Le ragnatele potrebbero aiutare a rintracciare le microplastiche nell’aria che respiriamo


Le microplastiche si trovano al punto più profondo dell’oceano. Sono nel nevicate dell’Antartide. Loro sono sul monte Everest. Quindi, ovviamente, queste minuscole particelle di rifiuti di plastica si trovano anche nelle trappole appiccicose delle ragnatele. Che schifo, ma a studio pubblicato online per il numero di agosto 2022 della rivista Science of the Total Environment ha esaminato per la prima volta come le ragnatele potrebbero essere utilizzate come strumento per monitorare l’inquinamento da microplastica nell’aria urbana.

Le microplastiche possono provenire da molte fonti, inclusi tessuti, bottiglie d’acqua, contenitori da asporto e imballaggi alimentari.

La studentessa di scienze ambientali Rebecca Süssmuth dell’Università Carl von Ossietzky di Oldenburg in Germania ha raccolto ragnatele dalle fermate degli autobus intorno a Oldenburg.

Il team ha sottoposto le reti a test di laboratorio per filtrare le piccole particelle e analizzare la composizione di ciò che è stato trovato. “Tutte le ragnatele erano contaminate da microplastiche”, ha detto la coautrice dello studio Isabel Gossmann in una dichiarazione all’inizio di questo mese. Per alcune delle ragnatele, le microplastiche costituivano un decimo del peso totale delle strutture del ragno.

I ricercatori hanno incluso particelle di pneumatici sotto l’ombrello della microplastica. Hanno trovato diverse concentrazioni di detriti di pneumatici a seconda di quanto fossero trafficate le strade rispetto alle fermate degli autobus dove venivano raccolte le ragnatele.

I risultati mostrano come le ragnatele potrebbero fornire ai ricercatori una rapida panoramica dell’inquinamento da microplastiche in una determinata area. È anche un promemoria che fa riflettere che quelle particelle che galleggiano nell’aria vengono inalate dagli esseri umani. Uno studio all’inizio di quest’anno ha trovato microplastiche nel sangue umanosebbene i rischi per la salute siano ancora sconosciuti.

Non è solo la spazzatura visibile come le bottiglie scartate che è un problema. Sono anche le piccole cose che non possiamo vedere.

Sharing is caring!

Leave a Reply